Valutazioni D’Azienda, di Rami D’Azienda e di Partecipazioni

Le valutazioni di aziende, o parti di esse, consentono di calcolare il valore delle aziende e possono essere effettuate per scopi diversi: in alcuni casi è la legge stessa a porre l'obbligo della valutazione (come nel caso di conferimenti di beni in natura nelle società per azioni), mentre in altri casi la valutazione è volontaria.
Alcuni, tra i principali, scopi di valutazione possono essere:
  • trasferimento (cessione o fusione d'azienda)trasferimento (cessione o fusione d'azienda)
  • liquidazione
  • redazione del bilancio d'esercizio secondo le norme dettate dal codice civile
  • trasformazione del tipo societario
  • recesso del socio


A seconda dei diversi scopi ai quali la valutazione sarà rivolta si otterranno diverse configurazioni di capitale (né il capitale né, tanto meno, il reddito d'impresa sono grandezze certe ma quantità astratte non univocamente determinabili che assumono diverse configurazioni di valore a seconda dei diversi fini della valutazione).

Se, per esempio, il fine della valutazione è quello della determinazione del reddito periodico d'esercizio avremo come configurazione finale quella del capitale di funzionamento o di gestione, se invece il fine è quello della liquidazione la valutazione che ne sortirà sarà quella del capitale di liquidazione.